Etica

Kilesa sposa lo spirito che contraddistingue il valore del “Made in”, e traduce il proprio richiamo sociale in una sentita responsabilità non solo per mezzo di un’attenta offerta di prodotti ai propri clienti diretti, ma canalizzandolo in  progetti dal forte contenuto etico.
Apporta costantemente un contributo all’ UNICEF per la lotta contro la fame nel mondo ed in particolare per i bambini del Nepal. Il Gran gala’ della moda, tenutosi all’interno della Cappella Palatina della Reggia di Caserta, è uno degli eventi realizzati a sostegno dell’associazione.
Il 17 novembre 2015 presso l’Alcatraz di Milano durante l’evento annuale dell’ Istituto Bruno Leoni presentato dalla nota giornalista Didi Leoni, l’azienda ha sostenuto il progetto IBL nelle scuole battendo all’asta benefica una borsa Kilesa limited edition della prossima collezione Wsn 2016/2017. Il suddetto progetto è finalizzato  all’arricchimento culturale dei giovani studenti degli istituti superiori italiani stimolati attraverso seminari didattici dedicati ad argomenti di economia.
Ancora con il mondo accademico, Kilesa interviene in alcuni dei seminari tenutisi presso la Facoltà di Architettura (corso Design della Moda) dibattendo con gli studenti sulla necessità di innovare i processi di produzione di prodotti/servizi, nonché sull’innovazione di valore e sull’imprenditoria, soprattutto femminile.
In collaborazione con i laboratori di ricerca del Dipartimento di Fisica e Fisica Gastronomica dell’Università di Parma e la Designer Roberta Razzano, l’azienda sperimenta un modello di borsa ispirandosi al tema dell’Expo’: è così che la classica borsa in pelle si arricchisce di una patta frontale in PET con stampa in gel di amidi alimentari (vedi collezione WSN 2016). Tale progetto porterà Kilesa ad essere selezionata in quanto azienda virtuosa, per l’esposizione universale EXPO’ MILANO 2015, dove è stata presentata l’intera collezione eco-chic.
Nel 2014 Kilesa ritira il premio “BEST PRACTICES” per l’innovazione indetto da Confindustria Salerno.  Nello stesso anno, si è aggiudicata il premio dedicato a giovani brand emergenti, assegnato da Assomoda Milano in occasione della seconda edizione dell’evento D2D-Designer to distributors.
Nel 2013 si unisce alla causa “Save the women” con la nota criminologa Roberta Buzzone nella lotta contro il femminicidio.